Petizione per un’alternativa vegana in mensa

29 Nov

Se davanti alla vetrinetta del bar mensa non sai dove sbattere la testa. Se nel contorno di verdure ti ritrovi il prosciutto o nell’unico piatto del menù che potevi mangiare c’hanno infilato il formaggio. Se non sei ne vegetariano/a ne vegano/a ma credi sia giusto che la mensa universitaria tenga in considerazione le diverse sensibilità e scelte alimentari: firma!

Per aderire alla petizione invia nome, cognome, numero di matricola e dipartimento alla mail:

firmoancheme@gmail.com

Oppure segui gli eventi dei collettivi aderenti, durante i quali potrai trovare il modulo da firmare! Ecco il testo che si sottoscrive:

Alla gentile attenzione di:

Nicola Sartor, Rettore dell’Università di Verona
Gabriele Verza, direttore Esu Verona
Gruppo Serenissima Ristorazione

Come studentessa/studente dell’Università di Verona chiedo che venga inserita una valida alternativa vegana all’interno dei menù giornalieri del servizio mensa e del servizio bar universitari, per andare incontro alle esigenze del crescente numero di persone che per scelta politica, etica o semplicemente per motivi di salute, non si cibano di alimenti di origine animale.

Grazie per il contributo 🙂

Studentesse e studenti di:
Studiare Con Lentezza
Towanda! Vagine Molotov
Pagina/13

Link utili:

Il blog: http://alternativegana.blogspot.it/

l’evento facebook: https://www.facebook.com/events/134811053391646/

 

Ci riproviamo: Voci di qui| Reading di racconti interculturali

18 Giu

 

Dopo l’alluvione dell’ultimo tentativo, Towanda è lieta di re-invitarti ad assistere a “Voci di qui”: un reading di racconti interculturali, musiche e canti del gruppo di narrazione di Casa di Ramia.

Con Susanna Bissoli, Fatima Lebron, Sandra Faith Erhabor, Mabel Omorogbe, Melita Ferkovic (narrazione); Brigitte Ataji (narrazione e canto); Samar Ouzaki (canto e percussioni); Elena Migliavacca, Giorgia Zanata; Camilla Bertini (canto) e Manuel Pinto (chitarra).

Casa di Ramia (www.donnediramia.org) è un luogo d’incontro per donne migranti e italiane, nato per concretizzare il desiderio di avere uno spazio di contatto e riconoscimento reciproco.

Vi aspettiamo Venerdì 21 giugno, alle ore 18.00 nel prato dell’Università, antistante la mensa.

Immagine

Voci di qui | Annullamento evento

24 Mag

Purtroppo ci vediamo costrette ad annullare l’evento di oggi a causa del tempo non molto clemente.

Presto comunicheremo una nuova data confidando in un po’ più di fortuna. 🙂

Voci di qui | Reading di racconti interculturali

20 Mag

Towanda è lieta di invitarti ad assistere a “Voci di qui”: un reading di racconti interculturali, musiche e canti del gruppo di narrazione di Casa di Ramia.

Con Susanna Bissoli, Fatima Lebron, Sandra Erabo, Mabel Omorogbe, Melita Ferkovic (narrazione); Brigitte Ataji (narrazione e canto); Samar Ouzaki (canto e percussioni); Camilla Bertini (canto) e Manuel Pinto (chitarra).

Casa di Ramia (www.donnediramia.org) è un luogo d’incontro per donne migranti e italiane, nato per concretizzare il desiderio di avere uno spazio di contatto e riconoscimento reciproco.

Vi aspettiamo Venerdì 24 maggio, alle ore 18.00 nel prato dell’Università, antistante la mensa.

Immagine

Femminili Tesi | La teologia femminista islamica.

6 Mag

Quarto e ultimo incontro del ciclo ‘Femminili Tesi’, frutto della collaborazione del progetto Ersilia-Fili Tesi e del collettivo femminista dell’Università di Verona Towanda! Vagine Molotov.

Questa volta Giulia Gacomazzi ci parlerà della sua tesi “La teologia femminista islamica. Verso una ijtihad femminile dei testi sacri.”

L’incontro si terrà venerdì 10 maggio, alle ore 20.30 a Casa di Ramia (http://www.donnediramia.org/), via Nicola Mazza, 50.

Fili Tesi e Towanda vi aspettano!

Immagine

Pussy Party 2!

12 Apr

Immagine

Sabato 20 aprile, a partire dalle 16.30 al circolo Pink, via Scrimiari, 7 (Verona).

Dopo la prima edizione, definita dal New York Times come “una festa bella bella”, Towanda riporta tra voi il Pussy Party, questa volta con un’aggiunta pomeridiana.

A partire dalle 16.30 ci sarà la presentazione di “Il velo svelato – L’esperienza di due giorni dietro il niqab” di Alice Dalla Vecchia, una tesi nella quale Alice racconta il suo “esperimento”: girare per Arzignano nel tipico abito musulmano per verificare le reazioni dei suoi concittadini.

Dalle 19.00 L’apericena anticrisi: Focacce, pizze, torte salate, birra e vino, tutto a un euro. Noi pensiamo a tutto e anche vegetariani e vegani troveranno pane per i loro denti.

Come se non bastasse sarete accompagnati dai migliori diggeis sulla piazza che vi allieteranno durante il convivio e vi faranno ballare dopo.

Cos’è il Pussy Party? Il Pussy Party è la nostra festa di autofinanziamento, ovvero un modo divertente -per noi e per gli altri- per mettere da parte i fondi necessari per i rimborsi, i volantini e, in generale, le spese da affrontare per organizzare le iniziative.
Insomma, si beve, si mangia e si ascolta bella musica e Towanda può continuare a portare avanti il suo progetto.

Non mancate 🙂

Diversamente Etero | Conosci una lesbica italiana famosa?

22 Mar

Proiezione del documentario “Diversamente Etero”, insieme ad una delle sue autrici: Milena Cannavacciuolo.

Di cosa parla:

La notte di Capodanno del 2010, due concorrenti del Grande fratello, Sarah Nile e Veronica Ciardi, si baciano in diretta tv. Le due ragazze si sono sempre dichiarate eterosessuali, ma – data l’assenza totale di lesbiche nella cultura popolare italiana – diventano icone dell’amore tra donne. Mentre le associazioni glbt le archiviano come l’ennesimo episodio di trash televisivo, moltissime donne iniziano a seguirle. E denunciano la differenza tra la versione “ufficiale” della loro storia e quella che le fan “ricostruiscono”, guardando il live 24 ore su 24 del reality e postando su YouTube gli estratti con i loro video. Le fan si riconoscono in quella storia “dal basso”, molte scoprono grazie ad essa l’attrazione per altre donne ed entrano in contatto tra loro sul web.

Diversamente Etero racconta questo fenomeno e riflette sulla visibilità lesbica in televisione, attraverso i filmati censurati dalla tv e le interviste a fan, giornalisti, esperti di comunicazione e attivisti del mondo lgbt.

Vi aspettiamo mercoledì 27 marzo, alle 16.00 nell’aula autogestita Spazio Zero (primo piano del Polo Zanotto, di fronte alla T4).

Come sempre è un evento imperdibile 🙂

http://diversamentetero.it

https://www.facebook.com/events/552854298079491/

Immagine